Tag Archives: memoria di lavoro

Test neuropsicologici per lo studio dei processi cognitivi

Il post descrive sinteticamente alcuni dei test neuropsicologici più usati per valutare alcune delle funzioni, in questo caso soprattutto le funzioni esecutive (attenzione, controlli inibitori, capacità di pianificazione, flessibilità cognitiva, memoria di lavoro), più interessate dall’azione delle droghe e delle sostanze psicoattive. Si veda ad esempio il post sulla cocaina e le funzioni esecutive. Controlled Oral Word Association Test… Read More »

Cocaina e sviluppo delle funzioni cognitive

Periodo di transizione tra l’infanzia e l’età adulta, l’adolescenza è una fase durante la quale avvengono importanti processi di maturazione del sistema nervoso, soprattutto a livello della corteccia prefrontale [1]. Ultima area cerebrale a completare il percorso di sviluppo, la corteccia prefrontale è implicata in tutti quei processi cognitivi che più caratterizzano la maturità rispetto all’età evolutiva: autoregolazione,… Read More »

Fattori neuropsicologici associati al consumo problematico di sostanze psicoattive e dipendenze

L’uso di sostanze tra i ragazzi resta molto diffuso. La prevalenza di questo comportamento a rischio negli adolescenti è stata confermata anche dall’ultimo rapporto del progetto Espad (European School Survey Project on Alcohol and other Drugs), che ha coinvolto 35 Paesi europei e un totale di 96.043 studenti[1]. Circa l’80% dei ragazzi ha provato l’alcol e oltre la… Read More »

Training cognitivi per il trattamento delle dipendenze: allenare la memoria di lavoro

I training cognitivi per il trattamento delle dipendenze sono diventati negli ultimi anni un modello di strategie di intervento di grande interesse per la ricerca clinica. D’altra parte, la fondatezza teorica di questo approccio è stata ripetutamente corroborata anche dalle indagini sull’efficacia delle terapie farmacologiche[1] e comportamentali[2], [3]. Questi studi infatti sembrano aver definitivamente chiarito che l’effetto delle… Read More »

Neuroeconomia, sistemi cerebrali delle decisioni e dipendenze

L’economia comportamentale e la neuroeconomia applicate alla comprensione dei comportamenti dell’abuso di sostanze hanno portato ad alcuni delle novità teoriche più interessanti nello studio sulle dipendenze degli ultimi venti anni. L’economia comportamentale studia in modo sperimentale le variabili emotive, motivazionali e cognitive alla base delle scelte di tipo economico. Una delle questioni fondamentali che muove le indagini in… Read More »

Ricordare il futuro. Il training della memoria di lavoro riduce lo sconto temporale nelle dipendenze

  Lo sconto, la svalutazione eccessiva delle ricompense future rispetto a quelle prossime sembra essere un tratto transnosografico, cioè un elemento comune a diversi disturbi del comportamento caratterizzati da impulsività (Madden e Bickel, 2009), come l’abuso di sostanze psicoattive e le dipendenze (Ardila et al, 1991; Simon et al, 2002). Nei processi decisionali la svalutazione del futuro è… Read More »