La sostanza come causa della dipendenza. Benjamin Rush, il termometro morale e fisico dei liquori e dei loro effetti e la nascita del farmacocentrismo

Nel 1784, Benjamin Rush (1746-1813), medico e docente all’Università di Philadelphia, leader del movimento della temperanza ma con investimenti nei vigneti, firmatario della Dichiarazione d’indipendenza americana, pubblicava An enquiry into the effects of spirituous liquors upon the human body: and their influence upon the happiness of society. Questo pamphlet enuncia la prima formulazione compiuta della dipendenza come malattia.… Read More »

Stefano Canali

Prevenzione: “fare rete” serve, anche a lungo termine

Nei dibattiti pubblici riguardanti prevenzione e promozione della salute nella fascia d’età scolastica molto spesso emerge l’appello, da parte di operatori ed esperti del settore, a “fare rete”, ossia a creare una sinergia di intenti, risorse e obiettivi tra tutte le figure di riferimento adulte che gravitano attorno al delicato mondo dell’adolescenza.  Questi appelli, spesso inascoltati per colpa… Read More »

Marcello Turconi

Le mille facce del desiderio nelle dipendenze. Il craving tra emozioni, situazioni e sostanze

Il desiderio della sostanza, il craving, è ritenuto uno dei principali determinanti del consumo di droghe e delle ricadute nelle dipendenze. il craving viene definito come l’esperienza soggettiva e indesiderata di un intenso bisogno o desiderio di usare una sostanza. Per ulteriori dettagli sul craving si leggano i seguenti post: “Sull’esperienza soggettiva del craving“, “Craving. Il desiderio irresistibile… Read More »

Stefano Canali

Tabacco, tecniche dell’estasi e guarigione sciamanica

La novità, l’abbondanza, l’eterogeneità e la molteplicità degli usi delle specie di piante psicoattive del continente americano hanno dischiuso all’Occidente un Nuovo Mondo stupefacente. Un mondo inteso come un nuovo universo integrato di sostanze psicoattive, geografie botaniche psicotrope, valori, significati, dimensioni del sacro. Nelle antiche popolazioni amerindie infatti le piante psicoattive, in particolare quelle allucinogene, erano ritenute sacre,… Read More »

Stefano Canali

Dimmi cosa pensi della dipendenza e ti dirò se guarirai. Le credenze sulle dipendenze e i loro effetti sull’autocontrollo

Nel mondo delle professioni sanitarie, in particolare nel settore dell’intervento sulle dipendenze, è largamente diffusa l’idea che la dipendenza sia una malattia del cervello indotta nel tempo dell’uso reiterato di droghe che compromette il controllo volontario del consumo delle sostanze stesse[i]. Questa prospettiva è stata di riflesso ampiamente diffusa al pubblico, che sembra averne incorporato gli aspetti principali.… Read More »

Stefano Canali

Guarire attraverso il racconto personale delle dipendenze. La narrazione soggettiva dall’autoinganno all’autocontrollo

L’immagine di sé e il modo in cui ci si racconta agli altri, la narrazione soggettiva, hanno una influenza rilevante sulla vita delle persone, perché condizionano la maniera con cui gli altri si pongono in relazione con noi e perché le nostre narrazioni concorrono a determinare i giudizi di valore che diamo al nostro comportamento, la nostra disponibilità… Read More »

Stefano Canali

Gli effetti su umore e relazioni della dipendenza digitale

Evolvono le società, evolvono gli usi e costumi, evolvono le dipendenze: da alcuni, anni, in particolare, si fa sempre più spesso riferimento alla cosiddetta dipendenza digitale, legata alla massiccia diffusione (e conseguente utilizzo pro-capite) delle moderne tecnologie di comunicazione.  Gli odierni dispositivi digitali, come ad esempio gli smartphone, sono infatti progettati per stimolare continuamente l’attenzione: trilli, vibrazioni, notifiche… Read More »

Marcello Turconi