Organizzazione funzionale

By | 2 gennaio 2016

Organizzazione funzionale

Le strutture cerebrali possiedono un’organizzazione funzionale, le vie e i centri nervosi formano cioè sistemi diversificati e preposti a specifiche funzioni. Le tecniche di brain imaging rilevano le funzioni cerebrali in vivo, permettondoci di osservare cosa accade nel cervello quando siamo impegnati in qualche azione, o sottoposti a stimoli percettivi, o ancora quando si assumono sostanze psicoattive. La PET, la SPECT e la risonanza magnetica funzionale sono tra le tecniche più usate.

Queste tecniche misurano principalmente l’afflusso di sangue nelle varie regioni cerebrali. Le aree attive del cervello usano maggiore energia e quindi richiedono un più elevato rifornimento di ossigeno e glucosio. Con l’uso di marcatori radioattivi, il brain imaging permette anche di rilevare la densità e le variazioni di concentrazione cerebrale degli agenti e delle microstrutture, come i neurotrasmettitori e i relativi recettori, attraverso cui si realizza la trasmissione dell’impulso nervoso, base di tutte le attività del cervello.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *