Category Archives: Scienze

Correre per smettere di fumare. L’esercizio fisico nel trattamento delle dipendenze

Sono ormai numerosissimi gli studi di revisione sulla capacità dell’esercizio fisico di migliorare le funzioni esecutive, cognitive, per pervenire e alleviare ansia, depressione e diminuire l’impulsività[1]. In ragione di questi effetti l’esercizio fisico viene sempre più proposto come trattamento aggiuntivo per il disturbo da uso di sostanze e le dipendenze. In queste condizioni infatti si riscontra tipicamente un… Read More »

L’astinenza e il desiderio della sostanza. L’incubazione del craving e la neuroplasticità

La permanenza del craving e le ricadute, da esso facilitate, sono tra gli aspetti più caratterizzanti e problematici nelle dipendenze e nel trattamento del disturbo da uso di sostanze, come raccontiamo in un precedente post. Tra i fattori più comuni nelle recidive troviamo infatti la riattivazione del desiderio della sostanza, del l’innesco del craving in presenza di segnali… Read More »

Come si impara una dipendenza. Il disturbo da uso di sostanze come apprendimento

La dipendenza dalle droghe o verso certi comportamenti, come il gioco d’azzardo, è un disturbo complesso, legato alla stratificazione nel tempo di effetti causali su più dimensioni interagenti, da quella genetica al piano psicosociale. Per questo spesso prende corpo in una spirale di sviluppo problematica, caratterizzata da una progressiva escalation di ricerca e uso della sostanza. In questa… Read More »

Esercizio fisico, sport, droghe e dipendenze

L’esercizio fisico e psicologico stimolano l’attività della corteccia cerebrale e di altri importanti centri cerebrali implicati nei processi emotivi e della ricompensa, del piacere e della gratificazione. In questo modo, esercizio fisico e psicologico favoriscono lo sviluppo del cervello, la connettività e la resilienza [1]. L’esercizio fisico regolare e frequente inoltre determina la riduzione di una serie di… Read More »

Vagare della mente, mindfulness e dipendenze

Un capitolo recente di indagine assai interessante è il rapporto tra dipendenze e vagare della mente, quest’ultimo inteso come distanza dell’attenzione dal momento presente che occorre ad esempio quando ci si lascia andare a fantasie, ruminazioni, pianificazioni e comunque pensieri estranei all’attività in corso. E’ noto che il tipo di legame appreso che si stabilisce nelle dipendenze tra… Read More »

Pratiche contemplative e Mindfulness nel trattamento del disturbo da sostanze e nelle dipendenze

Negli ultimi dieci anni l’interesse della ricerca e della ricerca in clinica sulle pratiche mindfulness ha subito una straordinaria accelerazione. Nel giugno 2017, interrogato con le chiavi di ricerca “mindfulness” e “meditation”, pubmed restituisce 1403 articoli pubblicati. In ordine di tempo, il primo lavoro classificato in questo modo è uno studio del 1982 sull’utilizzo della mindfulness nel trattamento… Read More »

Un modello computazionale per identificare le basi neurali del craving

Interrompere l’uso di una droga, di una sostanza psicoattiva e restare astinenti non sono sufficienti per il recupero da una dipendenza. In moltissimi casi infatti il problema resta in agguato, sopito, in attesa che uno stimolo, una situazione o un’immagine familiare inneschino nuovamente il desiderio, anche quando ormai la dipendenza, in senso strettamente fisico, si è esaurita da… Read More »