Category Archives: Filosofia

Allucinogeni e intuizione mistica. William James e il caso del gas esilarante

William James uno dei padri della psicologia e della teoria filosofica del pragmatismo e sosteneva che le sostanze psicoattive permettessero agli uomini di accedere agli stati mistici di coscienza, la condizione mentale che a suo parere costituiva la radice profonde dell’esperienza religiosa. Questa idea era scaturita dalle sue esperienze con l’ossido di diazoto o protossido di azoto.  … Read More »

Cos’è una droga? Indicazioni dall’etimologia: una possibile storia del termine

Le ricostruzioni etimologiche del termine droga in italiano rimandano generalmente a quella proposta da Ottorino Pianigiani nel Vocabolario etimologico della lingua italiana (1907). Quella di Pianigiani è tuttavia un’analisi viziata da diversi errori storici, il principale dei quali riguarda la radice etimologica stessa della parola droga, che egli indica nell’olandese Droog diffusosi nel XVI secolo e analogo dell’anglo-sassone… Read More »

Meditazione Vipassana e dipendenze

La meditazione Vipassana è una delle tecniche di meditazione più antiche, quella che lo stesso Gautama, il Buddha, praticò e insegnò oltre 2500 anni fa[1]. Vipassana è la radice originaria delle pratiche Mindfulness oggi sempre più diffuse, studiate e usate in clinica. Nell’antica lingua indiana Pali, la lingua in cui è stato scritto il canone buddhista Theravada, Vipassana… Read More »

Le sostanze psicoattive e il bisogno di trascendenza. Aldous Huxley e le porte della percezione

Aldous Huxley è stato uno degli scrittori e intellettuali più eclettici, originali e produttivi del XX secolo. Romanziere e saggista, laureato in lettere e anche in scienze naturali, Huxley si interessò anche di filosofia, filosofie orientali e misticismo. agli inizi degli anni Cinquanta, questi ultimi interessi lo spinsero a sperimentare le sostanze allucinogene, in particolare la mescalina, sotto la… Read More »

Stati di allucinazione. L’isolamento sensoriale e l’uso di sostanze psicoattive

Si ritiene comunemente che il consumo e l’abuso di sostanze psicoattive siano fenomeni caratteristici della società moderna e che le droghe vengano usate nel tentativo di risolvere, o di eludere i disagi e gli stress, ovvero anche gli stimoli al consumo della contemporaneità. Questa convinzione trova conforto nella attuale epidemica diffusione delle sostanze che modificano il funzionamento del… Read More »

La dipendenza come patologia del linguaggio

Nella ricerca, e ancor di più nella pratica clinica, il linguaggio utilizzato costituisce un’impalcatura cognitiva e una prospettiva che dà forma ai ragionamenti, alle ipotesi, ai giudizi e alla concreta azione terapeutica. Nel dominio della ricerca e della clinica del comportamento, il lessico scientifico e medico, significati, parole, retorica, hanno un impatto formidabile sul modo in cui un… Read More »

Dipendenze, incontinenza e debolezza di volontà. Fenomenologia dell’Akrasia: tra ragioni e cause

In questo post cercheremo di caratterizzare che cosa sperimenta, dal punto di vista fenomenologico, un soggetto che dipende da una droga quando riferisce di non avere il controllo sull’uso della sostanza e di sentirsi in certo modo costretto ad assumere la sostanza da cui dipende. Come abbiamo visto in un precedente post, un tossicodipendente sembra compiere le azioni… Read More »