Canapa

By | 3 gennaio 2016

CanapaCannabis, canapa, Marijuana, hashish

Effetti ricercati della cannabis: Euforia, allegria, rilassamento, disinibizione, modificazione delle sensibilità sensoriali, della percezione del tempo e dello spazio. Gli effetti variano molto in funzione dell’esperienza, delle aspettative, del contesto di assunzione, delle condizioni emotive. Tra gli altri effetti si ha aumento del desiderio di cibo. Durata degli effetti: 2-5 ore.

Meccanismi d’azione della cannabis: il Tetraidrocannabinolo o THC, principio attivo della canapa si lega ai recettori per l’anandamide (il cannabinoide prodotto dal cervello), presenti in particolar modo sulla corteccia frontale (funzioni cognitive), l’ippocampo (memoria, rappresentazione dello spazio), nei gangli della base e nel cervelletto, questi ultimi due centri cerebrali preposti alla coordinazione delle funzioni motorie.

Effetti avversi a breve termine della cannabis: vasodilatazione, tachicardia; a dosi più alte riduzione dei tempi di reazione e del coordinamento motorio, alterazioni della percezione, dell’attenzione e delle funzioni cognitive, con compromissione – ad esempio – delle capacità di guidare. Talora esperienze ansiose e reazioni di panico.

Effetti avversi a lungo termine cannabis: con l’abuso protratto si possono avere instabilità dell’umore, apatia e passività, deficit cognitivi. Possibili alterazione delle funzioni sessuali e depressione del sistema immunitario.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *