Amfetamine

By | 1 gennaio 2016

Amfetamine storiaLa prima anfetamina venne sintetizzata nel 1927. Essa doveva costituire un sostituto sintetico dell’efedrina, un principio farmacologico naturale della pianta Ma Huang, l’Efedra sinica, un arbusto usato da millenni in Cina come stimolante e per curare varie affezioni, in particolare l’asma.

Nel 1932, col nome di benzedrina, la prima amfetamina, iniziò ad essere venduta senza prescrizione in confezioni con inalatore. Essa conobbe un immediato successo commerciale, non solo per la loro efficacia nel trattamento delle affezioni asmatiche, ma soprattutto per le proprietà stimolanti ed euforizzanti. Per queste qualità farmacologiche, nel secondo conflitto mondiale le amfetamine vennero massicciamente distribuite ai soldati di tutti gli stati in guerra per aumentarne l’efficienza e sostenerne il morale.

Nel dopoguerra le amfetamine erano ormai un farmaco di successo. Esse venivano prescritte come antidepressivi, per la cura degli “esaurimenti nervosi”, per combattere la stanchezza. La potente azione anoressizzante, inoltre, veniva utilizzata per la produzione di farmaci per le cure dimagranti. Verso la seconda metà degli Cinquanta, ciò portava a una grave epidemia d’abuso ed induceva i governi dei paesi occidentali a regolamentare la produzione e il commercio di farmaci a base di amfetamine.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *